AIAC

Siracusa

AIAC Sicilia

Posizione AIAC Sicilia sul caso Marina di Ragusa

“Riteniamo decisamente poco etico la scelta del Marina di Ragusa di ingaggiare un allenatore squalificato per oltre due anni”. È il presidente dell’AIAC Sicilia, José Sorbello, a intervenire sul caso che tiene banco in questi giorni, scoppiato dopo l’annuncio dell’ingaggio di Mimmo Giacomarro sulla panchina della società iblea al posto dell’esonerato Salvatore Utro.

“La società ragusana – dichiara Sorbello – ha sfruttato un vuoto normativo che ha portato al tesseramento dell’allenatore che è peraltro anche un socio dell’associazione che mi onoro di presiedere. Si tratta di una scelta infelice, pur regolare e nei canoni del Settore Tecnico che ha proceduto al tesseramento, perché un tecnico squalificato non può andare in panchina, non può scendere negli spogliatoi tra il primo e il secondo tempo, non può rilasciare interviste. Tutto viene demandato all'allenatore in seconda che assolverà il compito di responsabile tecnico in ogni sua funzione, ad eccezione ovviamente della gestione dell’allenamento e della preparazione in settimana”. L’AIAC Sicilia si attiverà per modificare il regolamento vigente del Settore Tecnico nella parte che riguarda il tesseramento degli allenatori. “Lo ritengo prioritario e lo continueremo a ribadire con forza in tutte le sedi competenti”.